Nuovi Autori


GRAAL Edizioni seleziona racconti per la pubblicazione in ebook di antologie collettive. Al momento, si accettano racconti che ricadano nei seguenti generi:

  1. Azione e Avventura
  2. Fantascienza
  3. Fantasy
  4. Horror
  5. Gialli e Thriller
  6. Humor

Sei sei interessato al progetto, puoi inviare un tuo racconto, seguendo queste istruzioni:

  • il racconto deve rientrare in uno dei generi sopra elencati;
  • il racconto deve avere una lunghezza compresa fra 5.000 e 10.000 parole;
  • il racconto dev’essere accompagnato da una breve sinossi (100-200 parole) e da un brevissimo curriculum dell’autore;
  • il file del testo dev’essere inviato per posta elettronica all’indirizzo info@graaledizioni.com, avendo cura di specificare nell’oggetto il genere prescelto;
  • il file del testo dev’essere in formato doc (Microsoft Word) o odt (Open Office)

ebook vs libro

Puoi inviare anche più d’un racconto per genere; anzi, ti invito espressamente a farlo, se hai racconti differenti per tematiche e taglio stilistico: questo perché, con un numero maggiore di testi a disposizione, sarà più facile giungere ad una selezione che abbia un senso proprio, un filo conduttore, e non sia un mero accostamento di testi eterogenei.

I tuoi testi saranno valutati e, se giudicati idonei, riceverai una proposta editoriale.

A questo punto, se sei un autore emergente, so che sei interessato alla proposta; ma so anche che ti stai domandando…

Perché accettare?


Prima di tutto, quindi, voglio rispondere ai tuoi – presumibili – dubbi.

Che cosa ha da offrirmi GRAAL Edizioni rispetto ad altri editori?

Be’, non posso né voglio ingannarti o raccontarti favole: GRAAL Eedizioni (GE d’ora in avanti per brevità) è appena nata e quindi non ha pedigree da vantare o un prestigioso curriculum da esibire. GE sono io, e posso solo dire che ci metto la mia faccia, mostrando quello che sono e quello che ho fatto, e fidando sul fatto che questo possa bastare a guadagnare la vostra stima e la vostra fiducia. Tu come autore, io come editore, siamo entrambi emergenti: possiamo cooperare e investire l’uno sull’altro, non credi?

Perché un ebook e non un libro stampato?

Capisco che per molti nuovi autori il libro stampato sia ancora il medium per eccellenza, il solo capace di fornire davvero quell’intima gratificazione che viene dal sapere di essere finalmente pubblicati, di avercela fatta!

Io non sono di quest’avviso, e da tempo ho superato l’illusione della carta stampata. Intendiamoci: la carta stampata ha il suo fascino, ma io credo fortemente nel futuro (che è già presente) del formato digitale, con le sue enormi potenzialità di diffusione e di fruizione per l’utente. Guarda, ad esempio, questa video intervista alla scrittrice Flavia Piccinini:

Inoltre, il vantaggio offerto dai bassissimi costi di pubblicazione in ebook mi dà la possibilità non solo di non chiedere alcun contributo all’autore (come purtroppo in molti casi avviene…), ma, al contrario, di riconoscere maggiori royalties agli autori stessi! (Vedi più avanti per i dettagli.)

In ogni caso, la proposta editoriale di GE prevede un vincolo sullo sfruttamento dell’opera in formato digitale, ma non su stampa. In altri termini, GE ti lascia libero di stampare su carta la tua opera, autonomamente o con altri editori, se così desideri.

Perché un’opera collettiva e non una individuale?

Anche in questo caso, comprendo che il tuo legittimo desiderio di affermazione personale possa portarti a cercare l’opera prima individuale, piuttosto che l’opera collettiva. Il problema è che, anche per il bravo autore, è difficile emergere. In un mercato saturo d’offerta come quello presente, la cosa più difficile non è offrire qualità (che c’è in giro, non ho dubbi), ma farla arrivare all’utente. La cosa più difficile è la promozione dell’opera, e a questo non basta la vetrina statica del sito della casa editrice.

Ci vuole un’intensa azione su tutte le piattaforme di comunicazione che oggi il web offre: per questo io credo che la carta vincente sia il coinvolgimento degli autori stessi nella promozione del proprio lavoro, attraverso la propria rete di relazioni umane, la propria attività sui social network, la propria frequentazione di siti affini per tematiche, e così via.

Con più autori a promuovere l’opera, maggiori sono le possibilità di superare quella fatidica massa critica oltre la quale l’opera promossa diviene virale. In definitiva, la risposta a “perché un’opera collettiva” è evidente: promuovendo un’opera collettiva, ogni autore può enormemente beneficiare anche del lavoro di promozione svolto dagli altri, risultando in una maggiore probabilità di successo per l’opera e per gli autori, anche in prospettiva futura.

Insomma, io quanto ci guadagno?

Ottima domanda, e per rispondere voglio fare apertamente un po’ di conti.

GE distribuirà il tuo (vostro) ebook attraverso un canale “primario” (StreetLib) che lo distribuirà in tutti i canali di vendita: Amazon, Apple e tutte le altre librerie on-line (vedi qui l’elenco completo). Il costo complessivo di distribuzione, fra canale primario e canali secondari, si aggira intorno al 35% del prezzo di copertina.

Facciamo un esempio concreto: se il prezzo di copertina è € 10, la distribuzione se ne prende € 3,50.

Restano € 6,50 da cui deve uscire il guadagno di GE e, naturalmente, il vostro; che, questa è la mia proposta, sarà di € 2,50. Ma perché questa cifra?

In virtù del regime fiscale agevolato di cui, ancora per qualche anno, può beneficiare, GE pagherà circa € 2 in oneri fiscali e previdenziali vari. Pertanto, la cifra di € 6,50 di ricavo lordo si traduce in un guadagno netto, per GE,  di € 2.

È presumibile che il guadagno netto degli autori, pagati i rispettivi oneri, si aggiri pure su una cifra di circa € 2. Tutto questo per mostrare che autori ed editore si divideranno i guadagni netti, a mio avviso equamente, più o meno al 50%.

Il guadagno effettivo di ogni singolo autore dipenderà, naturalmente, dal numero di autori che contribuiranno all’opera collettiva. Stabilito, per mia scelta, che non saranno più di dieci, il tuo guadagno lordo, per copia venduta, sarà pertanto non meno di € 0,25.

Se ora supponiamo che, in cinque anni, l’opera possa vendere almeno 1.000 copie, è facile calcolare che il tuo guadagno lordo complessivo sarà di almeno € 250.

Quanto dura il mio vincolo con GE?

GE propone un vincolo di cinque anni per lo sfruttamento dell’opera in formato digitale (e solo digitale); al termine di tale periodo, rientrerai in pieno possesso di ogni diritto di sfruttamento, in qualunque formato.

La proposta editoriale


In conclusione, queste sono le specifiche della proposta editoriale di GE:

  1. Ogni Autore s’impegna a fornire a GE un racconto della lunghezza di 5.000-10.000 parole;
  2. GE s’impegna a pubblicare un’Opera collettiva contenente i racconti forniti dagli Autori, facendosi carico di ogni onere relativo;
  3. Ogni Autore s’impegna a cedere per cinque anni a GE i diritti di sfruttamento, in formato digitale, del suo racconto;
  4. Le Parti s’impegnano, nel mutuo interesse, a promuovere l’Opera attraverso social network e in generale sul web;
  5. GE s’impegna a corrispondere complessivamente agli Autori il 25% del prezzo di copertina di ogni copia venduta dell’Opera;
  6. GE s’impegna a informare gli Autori trimestralmente sull’andamento delle vendite dell’Opera;
  7. GE si impegna a corrispondere una volta all’anno, ad ogni Autore, l’importo dovuto per le copie vendute dell’Opera.

Quanto sopra vale in generale, come accordo preliminare di massima: uno specifico contratto editoriale sarà stipulato con ciascuno degli autori selezionati.

Hai ancora dubbi? Puoi pensarci su quanto vuoi, naturalmente; ma per restare in contatto e non rischiare di perdere questa opportunità, ti consiglio di iscriverti alla newsletter di GE, così potrai essere informato sugli sviluppi di questo e di altri progetti editoriali. Puoi lasciare qui i tuoi dati e un breve commento, se necessario.


E se pensi che questa opportunità possa interessare qualcuno nella tua cerchia di relazioni, non mancare di condividere la pagina, attraverso i pulsanti qui sotto!

Per qualunque dubbio o chiarimento, non esitare a lasciare un commento qui sotto, oppure a contattarmi.

Loris


2 Comments on "Nuovi Autori"

  1. Debora Zucca | 16/08/2016 at 14:40 | Rispondi

    io ho qualcosa da proporre. sono molto interessata a questo progetto. scrivo da diverso tempo e sono anche io per antologie collettive.

    • LorisBagnara | 16/08/2016 at 15:39 | Rispondi

      Cara Debora, grazie per il tuo interessamento. Non devi fare altro che seguire le istruzioni riportate nella pagina, ed inviarmi un tuo lavoro.
      Naturalmente, prima di poter parlare di pubblicazione, dovremo attendere che giungano altri lavori, e quindi occorre un po’ di pazienza… ma l’importante è incominciare. Dunque, attendo tue nuove! 😉

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


*

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. N.B. Se esegui uno scroll nella pagina o continui la navigazione nel sito, per noi hai accettato...

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi